Network Bar

mercoledì 3 gennaio 2018

La prima superluna del 2018

Con l'anno nuovo proverò a raccontarvi alcuni fatti astronomici nel corso del 2018 man mano che avvengono. Inizio subito con la prima superluna dell'anno, occorsa nella nottata del 2 gennaio, alle 2:25 UTC, che si è trovata a soli 356.574 chilometri dalla Terra. Questa luna piena era conosciuta dalle prime tribù di nativi americani come la Luna Piena del Lupo poiché avviene nel periodo dell'anno in cui i branchi di lupi affamati ululano fuori dai loro campi. Questa luna è conosciuta anche come la Vecchia Luna o la Luna dopo Yule, ovvero la festa del solstizio d'inverno nella tradizione celtica.

Superluna fotografata da Roberto Cosentino
Un altro evento astronomico di questo inizio dell'anno è l'arrivo dello sciame meteorico dei quadrantidi. Lo sciame sembra sia generato dall'asteroide 196256, o anche EH1, che a sua volta potrebbe essere la cometa C/1490 Y1, osservata dagli astronomi cinesi, giapponesi e coreani 500 anni fa. Quest'anno, in particolare a causa della superluna di inizio mese, potrebbe essere piuttosto difficile osservare lo sciame, ma forse qualche meteora particolarmente luminosa potrebbe essere osservata.
Basta alzare gli occhi al cielo!

martedì 2 gennaio 2018

Il calendario 2018 del telescopio Galileo

Per festeggiare i 20 anni di attività del telescopio Galileo dalla sua messa in opera, il team dell'Istituto Nazionale di Astrofisica ha pensato bene di realizzare per il 2018 un calendario particolare, da ritagliare e montare. Seguendo le istruzioni alla fine si otterrà un icosaedro!
Ovviamente (anche se con un po' di ritardo) buon anno a tutti!